• +0461 233166
  • info@soccorsoalpinotrentino.it

Comunicati e news

Nessuna persona coinvolta nella valanga staccatasi oggi in Marmolada

7 aprile 2018

È stato lanciato intorno alle 12.10 di oggi l’allarme per una valanga staccatasi nella zona del Pian dei Fiacconi in Marmolada, poco sopra un vecchio impianto di risalita. 
La valanga presentava un fronte di circa 30 m. e ha creato un fondo di accumulo alto circa 3 metri. Sul posto sono state rilevate delle tracce d’entrata, difficile stabilire se nuove o vecchie. Le operazioni di bonifica sono scattate immediatamente. I primi a intervenire sono stati gli uomini della Polizia di Stato che hanno effettuato una verifica vista/udito e i primi sondaggi. Nel frattempo l’elicottero ha trasportato in quota altri uomini del Soccorso Alpino dell’Area operativa Trentino Settentrionale e le unità cinofile della Polizia di Stato per sondare tutto il fronte della valanga. Le operazioni di ricerca si sono concluse nel primo pomeriggio e hanno dato esito negativo. Nessuna persona è stata travolta.

valanga_Marmolada_2018

santa_massenza

Recuperati illesi due scalatori tedeschi sulla via “Il Gran Diedro” (Santa Massenza)

3 aprile 2018

Questa notte due tedeschi sono stati recuperati, illesi, sulla via “Il Gran Diedro” sopra l’abitato di Santa Massenza.

Attorno alle 21.30 di ieri due turisti tedeschi, un ragazzo e una ragazza, hanno chiesto aiuto al Numero Unico di Emergenza 112 poiché non erano più in grado di completare la scalata visto il sopraggiungere del buio. I due si trovavano al settimo tiro di nove, a circa 50 metri dalla fine della via. Il coordinatore dell’Area operativa Trentino centrale del Soccorso Alpino ha fatto intervenire una squadra di uomini che, con le lampade frontali e il supporto di potenti fari dei Vigili del Fuoco, ha raggiunto gli scalatori da sopra e li ha portati in salvo. Le operazioni di soccorso sono terminate intorno all’una di questa notte.

valanga_pale_san_martino_2_aprile_18

Valanga travolge un gruppo di scialpinisti sul gruppo delle Pale di San Martino

2 aprile 2018

Una valanga si è staccata questa mattina sotto il ghiacciaio della Fradusta nel gruppo della Pale di San Martino, coinvolgendo un gruppo di scialpinisti veneti.

La comitiva si trovava a una quota di circa 2400 m. quando è stata sorpresa da una valanga che ha travolto tre dei suoi componenti, seppellendone uno completamente e due in modo parziale. I compagni di escursione hanno chiamato il Numero Unico di Emergenza 112 verso le 10.15 circa e, aiutati da alcune guide alpine di passaggio, sono riusciti a individuare ed estrarre dalla neve i tre travolti. Il Coordinatore dell’Area operativa Trentino Orientale del Soccorso Alpino ha chiesto immediatamente l’intervento dell’elicottero, il quale ha recuperato a bordo lo scialpinista che era stato sepolto completamente dalla valanga per trasportarlo all’ospedale di Cavalese.

 

valanga_pale_san_martino_aprile_18

Si stanno svolgendo in questo momento le operazioni di recupero della salma di un base jumper lanciatosi dal Becco dell’Aquila sul monte Brento (Dro)

1 aprile 2018

L’allarme è stato lanciato verso le 13 di oggi da una cordata di alpinisti che stava scalando sulle Placche Zebrate e ha visto l’uomo precipitare. Il Coordinatore dell’area operativa Trentino Meridionale ha fatto intervenire una squadra di terra che ha trovato il corpo senza vita dell’uomo grazie alla segnalazione di due ciclisti di passaggio nella zona.

Recuperati ieri notte quattro ragazzi rimasti incrodati sulla via “La bellezza della Venere” (località Oltra – Dro)

25 marzo 2018

È terminato alle 23 circa di ieri un intervento che ha visto impegnati gli uomini del Soccorso alpino nel recupero di un gruppo di quattro ragazzi, tre uomini (due altoatesini e un milanese) e una donna (trentina). La comitiva si trovava in parete e non era più in grado né di scendere né di salire. Alle 19, con il sopraggiungere del buio, hanno lanciato l’allarme.

Il Coordinatore dell’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso alpino del Trentino ha fatto intervenire una squadra di terra, la quale ha raggiunto i quattro giovani da sopra e li ha aiutati ad arrivare, illesi, in fondo alla parete con delle calate di corda per circa 260 m.

quod_vanoi

Intervento in Vanoi per soccorrere una scialpinista in difficoltà

24 marzo 2018

Nuovo intervento degli uomini del Soccorso Alpino del Trentino per il recupero di una scialpinista della Valdobbiadene di 52 anni che durante un’escursione nei pressi di Malga Grugola, in Vanoi, è caduta provocandosi una lussazione alla spalla.

L’allarme è stato dato dal marito, che era con lei, intorno alle 12.30. Gli uomini dell’Area operativa Trentino orientale sono saliti in quota con il quod e hanno trasportato la donna fino a valle. Insieme al marito, la donna è andata all’ospedale di Feltre per gli accertamenti in modo autonomo.

intervento_piz_galin_soccorso

Ritrovato questa mattina sotto una valanga il corpo senza vita dello scialpinista disperso da ieri sul Piz Galin

24 marzo 2018

Le ricerche dell’uomo, un sessantunenne di Fai della Paganella, sono cominciate ieri notte verso le 22.00, dopo la chiamata al Numero Unico di Emergenza 112 da parte dei familiari che non lo hanno visto rientrare a casa dopo un’escursione con gli sci di alpinismo in solitaria sul Piz Galin. La macchina dell’uomo è stata trovata nel parcheggio Valbiole.

Il Coordinatore dell’Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino del Trentino ha fatto subito intervenire una squadra di terra con un quod per scandagliare la zona attorno al rifugio Montanara. Le ricerche sono proseguite fino a mezzanotte circa senza dare nessun esito.

Questa mattina la macchina dei soccorsi si è riattivata verso le 5, coinvolgendo una trentina di uomini dell’Area operativa Trentino occidentale e centrale e le unità cinofile. È stato richiesto l’intervento dell’elicottero, il quale durante un sorvolo ha individuato uno sci affiorare dalla neve. Sul posto gli uomini del Soccorso Alpino del Trentino hanno effettuato dei sondaggi e hanno trovato il corpo dell’uomo, purtroppo senza vita, sepolto da circa 1 metro di neve, appena sotto la cima del Piz Galin. La salma è stata recuperata e portata alla camera mortuaria di Molveno.

Il Soccorso Alpino del Trentino raccomanda a tutti gli scialpinisti massima prudenza e attenzione. Gli strati superficiali più recenti del manto nevoso si consolidano molto lentamente, specie in quota.

soccorso_alpino_piz_galin

Nessuna persona sepolta sotto la valanga staccatasi questa mattina nella zona di passo Presena

23 marzo 2018

Poco prima delle 10.30 di questa mattina, venerdì 23 marzo, è scattato l’allarme per una valanga staccatasi sulla discesa che da passo Presena va al rifugio Mandron. Sul posto è stato avvistato un gruppo di 5 persone mentre effettuava delle ricerche con le sonde.

Immediato l’intervento del Soccorso Alpino del Trentino con il Coordinatore dell’Area operativa Trentino Occidentale che ha chiesto il supporto dell’elicottero e delle unità cinofile. Dopo una ricognizione e una volta raggiunto il gruppo, l’allarme è rientrato. Nessuna persona è stata sepolta dalla valanga e il gruppo stava sondando per recuperare uno sci.

Il fronte della valanga è tra i 60 e gli 80 metri con uno scorrimento di circa 50 metri.

Recuperati due scialpinisti sul Monte Altissimo

18 marzo 2018

Si è da poco concluso un intervento sul Monte Altissimo, dove sono stati recuperati due scialpinisti quarantenni della provincia di Verona dispersi nella nebbia. A dare l’allarme oggi pomeriggio intorno alla 15 al Numero Unico di Emergenza 112 sono stati gli stessi scialpinisti, non riuscendo più a capire dove si trovassero.

Scattato l’allarme il coordinatore dell’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso alpino ha subito inviato in quota una squadra di quattro tecnici con un quod attrezzato per la movimentazione sulla neve. Giunta in quota, la squadra del Soccorso alpino ha iniziato le ricerche, muovendosi con gli sci di alpinismo. Nel frattempo altri due scialpinisti che si trovavano nella zona, di cui uno del Soccorso alpino, si sono imbattuti nei dispersi e, conoscendo bene l’area, sono riusciti a dare maggiori indicazioni ai soccorritori. Una volta raggiunti, tutta la comitiva è stata accompagnata fino a valle.

Recuperato lo sciatore russo disperso da ieri sul Col Rodella, in Val di Fassa

12 marzo 2018

Si è concluso in mattinata un intervento degli uomini del Soccorso alpino del Trentino in Val di Fassa, impegnati nella notte nelle ricerche e nel recupero di uno sciatore russo nella zona del Col Rodella. L’allarme è stato lanciato ieri sera dal gruppo di persone con cui il turista aveva trascorso la giornata sulle piste da sci, dopo il suo mancato rientro.

Verso le 20.30 di ieri sono intervenuti gli uomini dell’Area operativa Trentino Settentrionale del Soccorso alpino del Trentino, perlustrando le zone del Col Rodella e della Val Duron. Le ricerche, rese difficili dalle condizioni meteo, si sono protratte nella notte, fino a quando lo sciatore è stato individuato a 1900 m. di quota circa, sopra l’abitato di Pian. Il coordinatore dell’Area operativa Trentino Settentrionale ha chiesto l’intervento dell’elicottero per il recupero dello sciatore che è stato trasportato all’ospedale di Cavalese per tutti gli accertamenti medici.

Left Menu Icon
Right Menu Icon