• +0461 233166
  • info@soccorsoalpinotrentino.it

Intervento notturno alla base del Crozzon di Brenta e sul Lagorai alla forcella Coldosè (versante Caoria)

Intervento notturno alla base del Crozzon di Brenta e sul Lagorai alla forcella Coldosè (versante Caoria)

Mercoledì 7 agosto 2019

Questa notte l’Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino è intervenuta per soccorrere due alpinisti alla base del Crozzon di Brenta (Madonna di Campiglio). I due uomini, uno di Arezzo e l’altro di Brescia, avevano concluso la via delle Guide sul Crozzon di Brenta e stavano affrontando il percorso di rientro, una discesa complessa ed esposta in corda doppia che richiede grande esperienza. Al termine dell’ultima calata, i due uomini si sono trovati intrappolati tra la roccia e un muro di neve e non sono più riusciti a proseguire, anche a causa del sopraggiungere del buio. La chiamata al Numero Unico per le Emergenze è arrivata alle 21.45.

Causa maltempo l’elicottero con i visori notturni è rimasto bloccato a terra a Pinzolo. Il coordinatore dell’Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino ha quindi organizzato due squadre di soccorritori delle stazioni di Pinzolo e di Madonna di Campiglio che sono salite a piedi fino a raggiungere i due alpinisti alle 2 di questa notte. I soccorritori hanno accompagnato in sicurezza i due uomini fino al rifugio Brentei. Fondamentale la collaborazione con i Vigili del Fuoco che hanno illuminato la base del Crozzon di Brenta con la fotoelettrica dal Monte Spinale agevolando le operazioni di recupero. I due alpinisti sono stati rifocillati e con i soccorritori hanno trascorso la notte al rifugio. Alle prime luci dell’alba l’elicottero li ha recuperati. Per uno di loro è stato necessario il ricovero all’ospedale di Tione per un principio di congelamento.


Si è concluso alle 21.30 circa di ieri sera un intervento per soccorrere un ragazzo di Udine di 21 anni che si è sentito poco bene lungo il sentiero che dal rifugio Refavaie conduce al bivacco di forcella Coldosè, sul versante di Caoria. Il ragazzo era partito nel pomeriggio insieme a tre amici quando a poca distanza dal bivacco si è sentito male e non è stato più in grado di proseguire la camminata. La chiamata al Numero Unico per le Emergenze è arrivata verso le 18.50.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino ha inviato sul posto una squadra di dieci soccorritori della stazione Caoria. Gli operatori hanno raggiunto a piedi il ragazzo e dopo avergli prestato le prime cure lo hanno trasportato a spalla con la barella portantina e poi, con un mezzo, fino al rifugio Refavaie. Qui un’ambulanza lo ha prelevato e trasportato all’ospedale di Feltre per gli accertamenti medici.

Left Menu Icon
Right Menu Icon